Il Venerdì Santo a Enna

La mia curiosità e il mio desiderio di conoscere le tradizioni della mia terra, e non solo della terra delle mie origini, quest’anno mi ha portato a Enna per assistere e fotografare i riti del Venerdì Santo (si, io sono uno di quei fotografi che amano fotografare i riti della Settimana Santa).
Sedici confraternite e 2.500 incappucciati hanno dato vita, anche quest’anno, ad una tradizione antichissima, un rito che trae origine dal periodo della dominazione spagnola in Sicilia (XV – XVII Sec.)
Le sedici confraternite, la più antica delle quali, la Confraternita del SS. Salvatore, fu fondata nel 1261, seguendo un ordine prestabilito compongono la processione e, in assoluto silenzio e raccoglimento, attraversano le vie del centro storico della città per arrivare dapprima al Duomo, da dove esce l’urna del Cristo morto accompagnato dal fercolo dell’Addolorata e poi al Cimitero, ex sede del Convento dei Cappuccini, dove viene impartita la benedizione con la reliquia della Spina Santa. Dopo la benedizione la processione viene ricomposta per giungere nuovamente al Duomo. Particolarmente significativo è stato il passaggio delle Confraternite dalla chiesa dell’Addolorata: tutti i confratelli entrano in processione in chiesa per rendere omaggio alla Madre del Cristo, il cui fercolo si accoda alle altre Confraternite per raggiungere il Duomo.

Ho avuto modo di parlare con alcuni confratelli, soprattutto con i più anziani, e lì ho capito quanto importante sia per loro partecipare a questi riti. Un anziano di 71 anni, appartenente alla Confraternita del SS. Salvatore, si rammaricava di non riuscire più a portare l’urna del Cristo morto: raccontava che quando faceva il panettiere, per lui portare il fercolo non era pesante, non lo stancava, tanto che finita la processione, intorno alle 4 del mattino, andava direttamente a lavorare nel suo panificio senza alcun cenno di stanchezza. Un altro anziano confratello, fiero dei suoi 57 anni di partecipazione alla Confraternita, ci diceva che i portatori dell’urna sono 70 mentre i portatori del fercolo della Madonna, appartenenti alla Confraternita Maria SS. Addolorata, sono in totale 80. Questi ultimi si tramandano da padre in figlio (il primogenito) il diritto di portare la statua dell’Addolorata.

Storie fatte di passione, devozione, tradizione, in una parola storie di cultura, la cultura popolare fatta di tradizioni che vanno documentate e raccontate perché sono la storia della nostra terra, la storia del nostro popolo, la nostra storia. Ecco perché io amo fotografare le feste religiose!

Clicca sulle immagini per ingrandire

CDMX – Policia

Uno degli aspetti che mi ha colpito, e mi ha anche positivamente impressionato, nel nostro viaggio in Messico, e in particolar modo nella nostra breve permanenza a Città del messico, è stata la forte, intensa e massiccia presenza di polizia.
Un sfoggio di muscoli, da parte dello Stato, visibile agli occhi di chi si aggira nella città. Non esiste incrocio che non sia vigilato da almeno un poliziotto armato di tutto punto. Agli occhi del viaggiatore tale manifestazione di forza non può che infondere un certo senso di sicurezza, e, a onor del vero, abbiamo circolato in totale sicurezza e senza alcun imprevisto.
Lo spiegamento di forze, Polizia, Esercito e Marina (con i loro marines) è una costante anche nelle zone più isolate dello Stato federale messicano, in particolare al confine tra i vari stati federali è difficile non essere fermati per un controllo sull’immigrazione, strano a dirsi in un paese che è una spina nel fianco per gli USA proprio per quanto riguarda l’immigrazione clandestina!

cdmx-19 cdmx-08 cdmx-15 cdmx-17 cdmx-18 cdmx-20

 

La Settimana Santa

I riti della Settimana Santa sono  qualcosa di radicato nella mia memoria.
Ogni anno si ripetono gli stessi gesti e si rinnovano le stesse emozioni, mantenendo viva una tradizione popolare che vede tutti partecipi al mistero della fede, tutti insieme a rivivere un sacrificio , “un grande dramma – per dirlo con le parole di Leonardo Sciascia – i cui elementi sono il tradimento, l’assassinio, il dolore di una madre. Ma è davvero il dramma del figlio di Dio che rivive, nei paesi siciliani, il Venerdì Santo?, o non è invece il dramma dell’uomo, semplicemente uomo, tradito dal vicino…”

Eppure quella rappresentazione fatta di statue, con le marce funebri intonate dalla banda e con i lamenti dei cantori, è ancora in grado di suscitare emozioni!

La settimana santa a Porto Empedocle – 2016

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nino Seviroli

Un omaggio ad un grande artista, attore e “cuntastorie”.  Attraverso i suoi canti, i suoi racconti e i suoi aneddoti, sempre al confine tra fiaba, legenda e storie vere, tramanda le nostre tradizioni con amore e passione.
Impossibile non rimanere affascinati dalle sue parole e dal suo gesticolare, così come impossibile è non rimanere affascinati dalla sua personalita, eclettica, allegra, ma di una profondità unica.

E come si dice sul palcoscenico: signore e signori…. Nino Seviroli

IMG_8885 IMG_8904 IMG_8905 IMG_8908 IMG_8918 IMG_8936 IMG_8946

IL SANTO NERO

Immagine

La festa di San Calogero a Porto Empedocle tra devozione, fede e folklore. Un reportage in cui ho volutamente escluso il colore per non farsi distrarre dai colori vivaci che spesso avvolgono questa festa. Ho voluto concentrare l’attenzione sulla “partecipazione” che coinvolge coloro che seguono il Santo nel suo percorrere di corsa ogni via, piazza, vicolo e cortile del paese. Una “partecipazione” frenetica di adulti, giovani, bambini e anziani che non si ferma davanti al sole cocente di fine estate o all’improvvisa pioggia.

IMG_5595 IMG_5601 IMG_5605 IMG_5623 IMG_5631 IMG_5663 copia IMG_5699 copia IMG_5702 copia IMG_5712 copia IMG_5716 copia IMG_5734 copia IMG_5742 copia

Clicca sulle immagini per ingrandire